News

I rifiuti elttronici si moltiplicano nel Sud-est Asia

18/01/2017

L’Università delle Nazioni Unite, ente accademico e di ricerca dell'Onu, ha pubblicato il rapporto “Regional E-waste monitor” che documenta il notevolissimo aumento dei rifiuti elettronici in Sud-est Asia. Infatti, la grande crescita economica a cui stanno andando incontro i Paesi dell'Est e del Sud-est asiatico ha portato ad un’impennata non solo dei consumi ma anche dei rifiuti con maggior riferimento a quelli elettronici che in pochissimi anni si sono moltiplicati di almeno due terzi fino ad arrivare ad oltre 12 milioni di tonnellate nel 2015.


Sempre secondo il suddetto rapporto nel 2015 la produzione dei rifiuti elettronici nei 12 Paesi asiatici analizzati (Cambogia, Cina, Hong Kong, Indonesia, Giappone, Malesia, Filippine, Singapore, Corea del Sud, Taiwan, Thailandia e Vietnam) è equivalente a quasi due volte e mezzo la piramide di Cheope, registrando un aumento del 63% negli ultimi cinque anni.

 

Il Paese che ha prodotto più rifiuti elettronici è la Cina che ha raddoppiato i volumi arrivando a 6,7 milioni di tonnellate. Per quanto riguarda il dato pro-capite, nel 2015, il valore medio ammonta a 10 chili, Hong Kong arriva addirittura a 21,7 chili mentre i Paesi meno avanzati come Cambogia, Vietnam e Filippine hanno valori molto più bassi.



L’aumento, secondo i ricercatori, è da imputare soprattutto a fattori quali: la maggiore disponibilità di nuovi device; l'aumento dei consumatori; i cicli di vita di utilizzo dei prodotti sempre più brevi e le importazioni di apparecchiature anche di seconda mano. Ciò che maggiormente preoccupa di questa faccenda è il possibile aumento di operazioni di riciclo improprio, come discariche abusive e roghi, che mettono a rischio la salute delle persone e l'ambiente.

 

Remedia da sempre garantisce la massima tutela dell'Ambiente e gestisce i rifiuti tecnologici con un servizio d'eccellenza che assicura il riciclo dei RAEE in impianti certificati sul territorio italiano, nel pieno rispetto di tutte le normative.



<< Torna all'elenco

NEWSLETTER

Invia