Normativa Fotovoltaico

L'attuale normativa che regola la gestione dei rifiuti provenienti dal fotovoltaico comporta responsabilità in capo ai Produttori (vedi approfondimento) per quanto riguarda la gestione del fine vita dei moduli fotovoltaici.

 

Il Decreto Legislativo 49/2014, che ha recepito la Direttiva RAEE europea 19/2012/EU, prevede che i pannelli fotovoltaici siano considerati "apparecchiature elettriche ed elettroniche" (AEE) e pertanto a fine vita devono essere gestiti come RAEE.

 

Per quanto riguarda invece i pannelli fotovoltaici, installati dopo il 30 giugno 2012, il "Conto Energia" - Decreti Ministeriali 5 Maggio 2011 (IV Conto Energia) e 5 luglio 2012 (V Conto Energia) - stabilisce un incentivo per privati, imprese ed enti pubblici che installano un impianto solare fotovoltaico connesso alla rete elettrica.

 

Tale decreto prevede che il soggetto responsabile di impianti che entrano in esercizio successivamente al 30 Giugno 2012, sia tenuto a trasmettere al GSE anche il certificato rilasciato dal produttore dei moduli fotovoltaici, attestante l'adesione ad un sistema o consorzio Europeo (come aderire a Remedia) che garantisca, a cura del medesimo produttore, il riciclo dei moduli fotovoltaici utilizzati al termine della loro vita utile.

 

Il GSE (Gestore dei servizi energetici) ha rilasciato un apposito " Disciplinare Tecnico per la definizione e verifica dei requisiti tecnici dei Sistemi/Consorzi per il recupero e riciclo dei moduli fotovoltaici a fine vita" rispetto al quale Remedia risulta idonea.
La finalità di interesse pubblico perseguita dal GSE attraverso le regole applicative sul riciclo e il Disciplinare è quella di assicurare il recupero e riciclo del singolo modulo fotovoltaico a fine vita, che deve essere "tracciato" dal momento della immissione sul mercato italiano sino al momento dello smaltimento.